Coordinare un intero progetto di costruzione non è un’attività semplice.

La bravura di un General Contractor sta proprio in questo: riuscire a gestire tutte le componenti in gioco, ottimizzando sempre costi e tempi.

Ma quali sono le 5 qualità indispensabili di un buon General Contractor?

Reputazione

Un aspetto di cui tener conto nel settore delle costruzioni è la reputazione, importante sia per il cliente che si affida a una ditta di General Contractor, ma anche nel rapporto con i fornitori.

Per rendere la realizzazione veloce e puntuale, un General Contractor affiderà parte del lavoro a terzi.

In questo caso, è fondamentale avere una buona reputazione tra i fornitori poiché consente di costruire una rete di conoscenze disposte a collaborare su più progetti.

Esperienza

Non ci si improvvisa General Contractor, ma è necessario aver acquisito conoscenze legate alla gestione di cantiere.


Di fatto, sono necessari lunghi anni di esperienza per acquisire certe abilità, come la risoluzione di problemi che possono verificarsi durante l’esecuzione dei lavori, e soprattutto avere quella prontezza per prevederli ancor prima che si presentino.

Etica

Scegliere di affidare un progetto di costruzione a un General Contractor implica un certo grado di fiducia, motivo per cui, il referente deve essere un professionista che abbia una grande etica del lavoro.

Utilizzare materiali di buona qualità, avvalersi di collaboratori qualificati e competenti, non richiedere denaro extra per riparare errori di responsabilità di altri sono tutti elementi imprescindibili se si lavora in maniera etica.

Flessibilità

Ancor di più nel campo retail, le scadenze devono essere rispettate a tutti i costi.

Infatti, per ogni giorno in cui l’apertura del negozio viene posticipata, il cliente perde denaro.

Un bravo General Contractor, anche quando lavora per privati, deve riuscire ad aggirare i problemi quanto più velocemente possibile, individuando le migliori soluzioni e adattandosi alle situazioni che si ritrova di fronte. In quest’ottica, la parola chiave per un professionista è flessibilità.

Capacità di ascolto

Un General Contractor si interfaccia abitualmente con clienti, fornitori e collaboratori.

Se da un lato è fondamentale ascoltare e comprendere le necessità e le richieste del cliente, dall’altro lato bisogna tenere in considerazione anche le situazioni che possono crearsi in cantiere.

Specialmente quando le tempistiche si fanno strette, possono essere molto stressanti da gestire per i lavoratori.

Un valido General Contractor deve essere abile ad ascoltare le richieste di tutti, gestendo eventuali problemi tecnici e rapporti umani, in maniera calma ed efficace.

Taramelli General Contractor: da 30 anni realizza progetti a regola d’arte

Il team Taramelli, fautore di un’esperienza trentennale, realizza sogni che è possibile toccare con mano.

Professionalità ed esperienza fanno davvero la differenza e a prescindere dal progetto, prerogativa di Taramelli è la soddisfazione del cliente che può essere raggiunta soltanto con l’ascolto di ogni sua esigenza o richiesta.

Per riuscire a far bene il proprio lavoro e raggiungere gli obiettivi prefissati, è fondamentale comprendere da vicino la visione del cliente, instaurando con lui un rapporto di fiducia e comprensione reciproca, in modo che, anche un eventuale problema, possa essere risolto al meglio e in tempi brevi.

L’obiettivo di Taramelli General Contractor è sempre uno: realizzare progetti a regola d’arte, prestando particolare attenzione e cura ai dettagli, per un risultato finale che non deluda mai le aspettative.

Per il team, costruire non è soltanto un mero atto meccanico, ma una vera e propria sfida quotidiana che comporta l’ascolto attivo dei desideri più profondi, razionali e sensoriali di ciascun cliente.

Blog